STORIA DEI MONCADA

Linea antica (de Montcada):

  • Baroni di Montcada,
  • Visconti di Béarn,
  • Baroni di Aitona
  • Baroni di Fraga

  Seniofred († ca. 1002), di nobile origine germanica, probabilmente appartenente ad una stirpe di vicari e visconti vassalli del Conte di Barcellona. Sposa N.N.

A1. Guglielmo († 1040 ?), possedeva vari beni nel distretto del castello di Suria con i fratelli; tra il 1023 e il 1025 entrò in possesso del castello e distretto di Montcada, da cui i discendenti presero il cognome; nel 1002 appare come testimone ad una assemblea di Vic, nel 1014 diviene Vicario del distretti e castelli di Vacarisses e Muntanyola, fu “Primatus Comitis” del Conte di Barcellona.
= ca. 1020 Adelaide, figlia ed forse erede di Bonucio di Claramunt e di Senegundis (vivente 1017, 1020, VII-1035 e 1063), che portò in eredità al marito il castello e distretto di Montcada.

B1. Raimondo Guglielmo († ca. 1080), Signore di Montcada, Muntanyola e Vacarisses dal 1040 ca., fu dato come pegno (con altri cavalieri) nella pace tra il Conte di Cerdagna e il Conte di Urgell nel 1043/1044, nel 1046 sottoscrisse una donazione del Conte di Barcellona.

= ……….

C1. Un figlio (vivente 1065, † ante 1080).

C2. Berengario Raimondo († 1134), Signore di Montcada, Muntanyola e Vacarisses dal 1080 ca.; nel 1098 appare in un atto in cui gli viene confermato il titolo di Sant Cugat al monastero di Sant Llorenç de Mont, nel 1099 sottoscrive una donazione del Conte di Barcellona al medesimo monastero, nel 1108 è testimone di un giuramento del Vescovo di Vic.

= Ermessenda (vivente nel 1100, probabilmente premorta al marito)

D1. Beatrice († ca. 1150), Signora di Montcada, Muntanyola e Vacarisses dal 1134.

a) = 1117 Guglielmo Raimondo I de Montcada (v. oltre), nozze annullate nel 1136 perché Beatrice abbandonò il marito per fuggire con un suo vassallo, Guillem de Sant Martì;
b) = ca. 1136 il cavaliere Guillem de Sant Martì, un vassallo minore del suo primo marito.

D2. (Probabilmente illegittimo) Guglielmo (vivente nel 1134).

B2. Berengario Guglielmo (* 1024 ca. † 1063), Arcidiacono della Cattedrale di Barcellona

B3. Renard Guillem “de La Roca“ (nel 1054 era giovane, † 1088), sottoscrisse una donazione del Conte di Besalù, forse fu Siniscalco del Conte di Barcellona; Signore e castellano de La Roca, da cui i discendenti presero il cognome.

= Sancia (vivente nel 1070).

C1. Ramon Renard de La Roca († ca. 1145), Signore de La Roca, sottoscrive l’atto d’infeudazione del castello di Angosta da parte del Conte di Barcellona in favore del Conte di Pallars il I-1097, sottoscrive l’atto di rinuncia di Bernat di Besalù ai castelli di Besalù ecc. a favore del Conte di Barcellona nel 1111; fu l’esecutore testamentario di Raimondo Berengario III Conte di Barcellona nel 1131.

= Solasten († post 1109).

D1. Raimondo de La Roca (forse premorto al padre).

D2. Sancia de La Roca, erede del castello de La Roca nel 1145.
= Pere Bertran de Bell-lloc castellano di Bell-lloc, istituito erede dal suocero

C2. Guillem Renard de La Roca († ca. 1132), sottoscrisse una concessione del Conte di Barcellona al Vescovo di Girona nel 1106, sottoscrive l’atto di rinuncia ai feudi e castelli di Besalù, Vallespir e Fenouillèdes da parte di Bernat di Besalù in favore del Conte di Barcellona nel 1111.

C3. Renard de La Roca († post 1089), Chierico.

B4. Reambau Guillem (nel 1054 era giovane, vivente 1061/1067), sottoscrisse una donaziona del Conte di Besalù.
B5. Guillem Guillem (vivente 1061/1067).
B6. Bernardo († marzo o inizi aprile 1095), nel 1056 appare in un atto come subdiacono, Arcidiacono della Cattedrale di Barcellona dal 1063.
B7. Una figlia (menzionata nel 1063).

A2. Bernardo (menzionato nelle fonti coeve come Bernat Ruvirà) († IX-1040), possedeva dei beni nel distretto del castello di Suria, esecutore testamentario di Raimondo Borrello II Conte di Barcellona nel 1017; menzionato in vari atti del 1014, 1022 e 1033.
A3. Raimondo († poco dopo IX-1040, la sua carica era vacante tra il XII-1040 e il I-1041), possedeva dei beni nel distretto del castello di Suria, Arcidiacono della Cattedrale di Barcellona dal 1010, fu esecutore testamentario del fratello Bernardo a Vic.

 

Dati estratti da:

http://www.sardimpex.com
http://www.iagi.info/genealogienobili © Davide Shamà