BIOGRAFIA

ENGLISH VERSION
Mario Moncada di Monforte
Mario Moncada di Monforte è nato a Palermo il 9 giugno 1935 nella famiglia Moncada che ha dato alla storia della Sicilia tre Viceré e che, nel corso dei secoli, si è imparentata con numerose famiglie regnanti europee (Consultare Alberi genealogici).

Formazione ed attività professionali

  Laureato in giurisprudenza e specializzato in tecniche amministrative presso l’Università Bocconi di Milano, si è formato professionalmente e culturalmente presso la Olivetti di Ivrea, dove ha lavorato per undici anni in quella particolare atmosfera creata dall’umanesimo di Adriano Olivetti e dall’impegno civile e culturale di Paolo Volponi.

Iscritto all’Albo degli avvocati nel 1962.

Iscritto all’Albo dei Revisori dei conti nel 1995.

Lasciata la Olivetti, nel 1967, ha costituito in Sicilia e diretto per quarant’anni le prime aziende siciliane di informatica e di grafica computerizzata.

Attività culturali

   È socio fondatore e membro del Consiglio Direttivo di “Salvare Palermo”, Fondazione Onlus per la tutela del patrimonio culturale ed ambientale palermitano.

E’ socio fondatore e revisore dei conti dell’Associazione “Amici del Teatro Massimo”, che cura la diffusione della cultura lirica, di cui il Teatro Massimo di Palermo è uno dei templi.

È stato Presidente del Circolo Unione di Palermo, fondato nel 1750, che è fra i più prestigiosi Circoli d’Italia e d’Europa.

Introdotto ad Ivrea agli studi sull’Ebraismo, religione della famiglia Olivetti, ha approfondito gli studi di geopolitica ed ha pubblicato numerosi saggi che guardano con attenzione ai problemi del rapporto fra l’Occidente e il mondo arabo e, in  particolare, ai problemi determinati dal modo d’essere dello Stato d’Israele:

  • Occidente senza futuro (1998), che descrive le cause della progressiva “destrutturazione” demografica, economica e culturale dell’Occidente, già in corso.
  • Israel: fine della speranza? (2002), che pone numerosi interrogativi sul fallimento politico e culturale dell’Ebraismo in Palestina.
  • Guerra al terrorismo? (2003), che contesta l’utilità delle guerre preventive avviate dagli USA come reazione al crollo delle Twin Towers dell’11 settembre 2001.
  • Vite parallele: Giuseppe Mazzini e Osama bin Laden (2005), che storicizza l’azione revanscista di bin Laden paragonandola a quella di Giuseppe Mazzini, eroe del Risorgimento italiano.
  • Israele: un progetto fallito (2009), che documenta le ragioni per le quali il progetto di uno Stato esclusivamente ebraico in Palestina non ha alcuna prospettiva
  • Israele, uno Stato razzista (2010) che documenta i comportamenti razzisti dello Stato sionista non solo verso i Palestinesi ma anche verso gli Ebrei sefarditi.
  • La terra promessa (2013)
  • La Speranza (2016)

 Altri saggi scritti con attenzione ai problemi siciliani: La nazione siciliana (1973), L’uomo totale (1996), Palermo domani (2000). E un romanzo autobiografico: Il tempo delle iene e degli sciacalli (2011).

Premi e riconoscimenti letterari

Nel 2012, anno del Cinquantenario, Mario Moncada di Monforte è stato il vincitore del 50° Premio Calabria, che annovera fra i premiati anche Premi Nobel come Heinrich Böll ed Ilya Prigogine. Il Premio è stato attribuito per il saggio Israele: un progetto fallito.

Nel 2012, l’Istituto culturale iraniano di Roma ha acquistato i diritti sul saggio Israele, uno Stato razzista: tradotto in arabo e in parsi, è stato diffuso nei paesi islamici.

Nel 2016: 3º classificato al premio nazionale di cultura di Isola per il saggio La terra promessa.

Principali riferimenti culturali:

Socrate, Karl R. Popper per il razionalismo critico;
Socrate, Immanuel Kant, Friedrich Nietzsche, John Dewey, Erich Fromm per l’analisi della struttura morale umana;
Zarathustra, Bibbia, Buddha, Corano per la visione religiosa della vita;
Charles Darwin, Sigmund Freud, Claude Levy-Strauss, Albert Einstein, Margaret Mead, Jacques Monod, Theodosius Dobzhansky, Luigi Luca Cavalli Sforza, Ylia Prigogine, Renato Dulbecco per le scienze antropologiche;
Jean-Iacques Rousseau, G.W. Friedrich Hegel, Karl Marx, Max Weber, José Ortega y Gasset, Arnold J. Toynbee, Bertrand Russel, John Maynard Keynes, Norberto Bobbio, Hannah Arendt, Karl R. Popper, Amartya Sen per le scienze sociali – storiche, politiche, economiche;
Noam Chomsky per l’analisi dei comportamenti internazionali degli Stati Uniti;
Giulietto Chiesa per una visione realistica delle politiche estere dei paesi occidentali;
Bibbia, Leo Baeck, Elia Benamozegh, Abraham B. Yehoshua, Benny Morris, David Grossman per la storia di Israele e l’Ebraismo.

PUBBLICAZIONI

Libri e saggi che affrontano temi attuali in modo personale. Le pubblicazioni di Mario Moncada di Monforte analizzano argomenti di forte impatto, mettendo in campo dubbi e domande che trovano risposta nell’intenso percorso professionale e culturale dell’autore.